Privacy Policy

sabato 25 agosto 2012

È proibito

Marmellata di pesche con lavanda, limoni di Amalfi e mandorle

"È proibito piangere senza imparare, svegliarti la mattina senza sapere che fare, avere paura dei tuoi ricordi. È proibito non sorridere ai problemi, non lottare per quello in cui credi e desistere, per paura. Non cercare di trasformare i tuoi sogni in realtà. È proibito non dimostrare il tuo amore, fare pagare agli altri i tuoi malumori. È proibito abbandonare i tuoi amici, non cercare di comprendere coloro che ti stanno accanto e chiamarli solo quando ne hai bisogno. È proibito non essere te stesso davanti alla gente, fingere davanti alle persone che non ti interessano, essere gentile solo con chi si ricorda di te, dimenticare tutti coloro che ti amano. È proibito non fare le cose per te stesso, avere paura della vita e dei suoi compromessi, non vivere ogni giorno come se fosse il tuo ultimo respiro. È proibito sentire la mancanza di qualcuno senza gioire, dimenticare i suoi occhi e le sue risate solo perchè le vostre strade hanno smesso di abbracciarsi. Dimenticare il passato e farlo scontare al presente. È proibito non cercare di comprendere le persone, pensare che le loro vite valgono meno della tua, non credere che ciascuno tiene il proprio cammino nelle proprie mani. È proibito non creare la tua storia, non avere neanche un momento per la gente che ha bisogno di te, non comprendere che ciò che la vita ti dona, allo stesso modo te lo può togliere. È proibito non cercare la tua felicità, non vivere la tua vita pensando positivo, non pensare che possiamo solo migliorare, non sentire che, senza di te, questo mondo non sarebbe lo stesso. Non sentire che, senza di te, questo mondo non sarebbe lo stesso." - Pablo Neruda


MARMELLATA DI PESCHE CON LAVANDA, LIMONI DI AMALFI E MANDORLE

8 pesche gialle
3 limoni di Amalfi
120 g mandorle in scaglie
6 cucchiai di miele millefiori
1 cucchiaio di fiori di lavanda essiccati
100 g zucchero
50 ml acqua

Prendete le pesche, sbucciatele e tagliatale a spicchi. Prendete due limoni e tagliatele a lamelle sottili, il più sottili che potete. Mettete i frutti a pezzi in una pentola capiente.
Portate a ebollizione l'acqua ed immergetevi in infusione la lavanda per 15 minuti. Mescolate il miele e lo zucchero con l'infuso di lavanda e il succo del terzo limone e versatelo sulla frutta. Fate cuocere a fuoco basso per 45 minuti o finchè la marmellata non avrà preso la consistenza desiderata. Rimprendete la marmellata, aggiungete il succo di limone e fatela nuovamente cuocere, la temperatura in questa seconda cottura dovrà raggiungere i 105°. Prendete i vasetti perfettamente puliti e sterilizzateli: metteteli in forno statico a 100° per 10 minuti. A questo punto mettete nei barattoli la marmellata, che dovrà essersi un pò raffreddata e aver raggiunto gli 85°. Chiudete e capovolgete.
PS volendo si può sterilizzare ulteriormente mettendo tutti i vasi pieni di marmellata e chiusi in una grande pentola piena d'acqua e lasciandoli bollire per circa un'ora. In questo modo la marmellata potrà durare anche qualche anno!! :) questa operazione la salto, perchè a casa nostra finisce sempre in qualche crostata nell'arco di due inverni al massimo! :)
Per 4 vasetti da 250 g.


Non chiedetemi come mai non ho fotografato la marmellata finale, perchè proprio non ne ho idea. Vorrà dire che la posterò su qualche bella frolla, che sto sperimentando in tutte le varianti.
Sono giornate un pò così, in cui non ho troppo voglia di parlare. E poi questa poesia di Neruda l'ho scovata mentre cercavo delle belle frasi per due coppie di amici che si sposano, e mi è sembrata così reale, così vera. L'ho tenuta lì nel cassettino. E poi è successo quello che è successo. E mentre per alcuni la vita va avanti, per altri finisce.

46 commenti:

  1. Ehi Sere, leggo una sorta di malinconia e mi dispiace moltissimo per qualunque cosa tu stia vivendo in questo momento...
    Quanto ha scritto Neruda lo condivido al 99%, ci sono un paio di punti che mi lasciano perplessa ma io non sono Neruda ma sono io ;-)
    Senti un po' hai mai letto il libro "Dolce come il cioccolato" di Laura Esquivel? Se lo hai letto sai che qualunque sentimento tu stai vivendo mentre cucini, esso si trasferirà in quello che prepari... la tua marmellata sarà malinconica ma dolcissima :-) Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Robi, davvero e di cuore. la vita è così, ha alti e bassi. anche io sono d'accordo al 99% con Neruda, forse 98%? :) e il libro "Dolce come il cioccolato" mi manca, quindi dovrò procuramelo il prima possibile! :) magari faccio un ordine online, ormai per i libri è quasi un'abitudine! :) bacino, sere

      Elimina
  2. Le parole di Neruda sono sempre belle da rileggere una e cento volte.... E fanno sempre riflettere e generare nuovi pensieri...
    Oh che buona, la marmellata di frutta e agrumi sono le mie preferite, su una bella crostata.....
    Però voglio la foto della marmellata ok? Baciiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Ely hai ragione, le foto della marmellata le metterò sicuramente, magari davvero su qualche strana frolla. tipo quella all'olio, che non ho mai provato! :) e Neruda si, conquista ogni volta che lo si legge. Lascia un pò senza parole davvero. Bacino, Sere

      Elimina
  3. La malinconia fa parte della vita, condividerla amche sul blog mostra quello che siamo e come siamo, spero che la tua passi presto, aiutata da un bel cucchiaio di marmellata profumata!

    ciao loredana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è vero, sul blog alla fine ci finisce un pezzetto di noi, e a seconda della giornata il pezzetto può essere gioioso, rabbioso o malinconico, o in mille altri modi. ma è comunque un pezzetto di noi. grazie Loredana, un abbraccio e a presto! sere

      Elimina
  4. Bella, bellissima! E poi amo Neruda! *_*
    E la marmellata è buonissima! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la marmellata non ho resistito e l'ho assaggiata appena finita di farla... era veramente ottima, e credo che starà molto bene sulle mie crostate per la colazione! :) bacino, sere

      Elimina
  5. Mi spiace per la malinconia che leggo nelle tue righe...ti auguro che tutto si rassereni ...Belle le parole di Neruda anche se non sempre si può realizzare ciò che lui dice...la vita spesso e' piu' complicata della poesia...
    Deliziosa la ricetta della marmellata, la passero' al mio lui che e' specializzato in marmellate...(ovvero fa solo quelle).
    Un bacione e sereno fine settimana, Mila

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si infatti Mila, ci sono persone che non ce la fanno, non hanno voglia di lottare e quindi decidono di non andare avanti. o semplicemente non riescono ad affrontare i problemi, e quindi vanno avanti facendo finta di nulla, non vivendo una vita vera, ma una vita finta. in entrambi i casi, è sempre molto triste. grazie di essere passata! bacino, sere

      Elimina
  6. Quest'uomo è un genio, adoro come scrive. Me la sono salvata, come del resto la tua squisita confettura :-) Buon we cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neruda è un poeta che parla con il cuore. E arriva al cuore, sempre e comunque. Grazie cara, a presto! bacino, sere

      Elimina
  7. ..la rileggerei mille volte in questa domenica un pò svogliata..tutto bene Sere? Forse certe giornate è meglio lasciarle passare senza pensarci troppo
    Un grande abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. più o meno, diciamo che ci sono state giornate migliori, e che ora siamo un pò in balia del destino. ma comunque vada, la vita per chi resta deve andare avanti. grazie mimi per il pensiero, un bacino, sere

      Elimina
  8. Non e' difficile capire quanto tu sia una perona speciale...finalmene riesco a dirtelo quasi in diretta viso come curi questo blog!le parole di Neruda sono splendide ma e' ancora piu' straordinario sapere che questi pensieri fanno parte del tuo quotidiano dei rapporti che hai con la gente del sole che possiedi con il tuo sorriso.. credimi in tanti anni di attivita' commerciale ti garantisco che mi capita poche volte di incontrare clienti i quali in un battibaleno li senti amici e ti chiedi chissa' se stanno bene quando passa un po' di tempo prima di rivederli! la tua vitalita' e gioia dovrebbe essere da esempio a tutte quelle ragazze che sprecano il loro empo lamentandosi e non facendo nulla per rendere piu' bella la loro vita e per dirla all Colplay w la vida! un abbraccio e ...brava marianna millefiori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Marrianna, non sai che piacere leggerti e leggere le tue parole! quando vengo da te, trovo sempre un angolo di serenità, e tu grazie al tuo lavoro e ai tuoi meravigliosi fiori, questo angolo di serenità ci permetti di portarlo a casa con noi. grazie davvero, per tutto quello che fai e per la passione che ci metti. non mi è mai piaciuto così tanto uscire di casa apposta per andarmi a comprare dei fiori da mettere nelle mie tavole. e ti assicuro, è una cosa bellissima. bacino, sere

      Elimina
  9. Ciao Sere, che belle queste parole di Neruda, dovremmo tenerle sempre a mente... grazie per averle condivise con noi :) L'aggiunta delle mandorle e della lavanda rende questa marmellata davvero speciale, complimenti di cuore! Un abbraccio grande! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non vedo l'ora di provarla su qualche frolla! anzi, tu che sei l'esperta dei dolci... hai qualche frolla superbuona da consigliarmi? bacino, sere

      Elimina
    2. Uhm... prova a sostituire lo zucchero con lo zucchero a velo... oppure fai la Linzer di Montersino, con i tuorli sodi, una delizia... se vuoi ti scrivo e ti dico tutto! Bacetti :-*

      Elimina
    3. sai che quella con l'uovo sodo mi ispira! ora cerco sul mio libro di Montersino e se non trovo nulla ti scrivo in privato! bacio e grazie!

      Elimina
  10. Ciao cara, belle le parole di Neruda, condivido. Qualunque cosa ti stia capitando ti siamo vicine...
    Anche noi abbiamo fatto un po' di marmellate ma siamo riuscite a fotografare solo i vasetti già pieni!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille! è bello vedere che le persone che si conoscono attraverso una passione comune sanno essere così vicine. bacino, sere

      Elimina
  11. Sere mi spiace molto per qualunque cosa tu stia passando..
    da qui non posso fare granchè, se non mandarti un abbraccio enorme..
    a presto
    Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Vale, lo so che i vostri abbracci virtuali sono sinceri e cari. grazie di cuore! e bentornata! bacino, sere

      Elimina
  12. Non so cosa sia successo ma la scelta di questa poesia la dice lunga del tuo stato d'animo. A volte non aver voglia di parlare, fa trattenere meglio i pensieri e le parole dentro di se che stranamente, dopo aver decantato diventano più chiari. Non sei obbligata a fare nulla se non a lasciare che il tempo ti dia una mano. Un forte abbraccio. Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Pat, grazie di cuore. un bacino, sere

      Elimina
  13. Ciao SERENA ,bello il tuo blog mi sono unita hai tuoi lettori fissi passa ha trovarmi se ti va io sono ISABELLA ti aspetto smack

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Isabella, grazie per essere passata! ti farò sicuramente una visitina!! :) bacino, sere

      Elimina
  14. Sere mi dispiace che questo sia un periodo no...però tu sei forte, non molli mai e anche in momenti così sei capace di farci stare bene con le tue ricette :)
    un abbraccio grande grande!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Silvia, di cuore. un bacino, sere

      Elimina
  15. Ciao Serena, hai visto il piccolo riconoscimento che vorrei donarti? Forse l'hai già, oppure non hai il tempo per donarlo a tua volta...in caso no problem! E' per te ugualmente.
    Baci,
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Cri, pesco subito il premio e lo metto nelle mie sere stellate! grazie mille per aver pensato a me! bacino,
      sere

      Elimina
  16. Con queste parole di Neruda,non si può non riflettere e pensare che a volte si è davvero troppo superficiali,ci si dovrebbe soffermare di più su tutto!
    Io intanto mi soffermo sugli ingredienti di questa confettura,che mi sembrano tanti e profumati,dev'essere deliziosa!!
    Un abbraccio cara Serena!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Damiana, effettivamente sono molto soddisfatta del risultato. difficilmente mi lancio in marmellate diverse, preferisco di solito il gusto puro della frutta (infatti la macedonia, che mescola gusti di frutta diversi, non mi piace!). Però ho trovato l'ispirazione, e devo dirti che mi è piaciuta tanto (ma un vasetto ancora non l'ho aperto!). Bacino, Sere

      Elimina
  17. Cara Serena, sarà pure proibito piangere senza imparare, ma uno certe lezioni non vorrebbe mai impararle.

    Un bacio e un abbraccio per starti vicina, qualunque dolore sia.

    :*
    roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai Roberta che è proprio vero? Credo che la vita sia crudele con qualcuno. Che non ci sia giustizia. Ci sono persone che ne passano talmente tante, che poi non riescono nemmeno più a trovare la forza per andare avanti. E lasciano dietro di loro i dolori più grandi, i sensi di colpa e un vuoto tremendo. Un bacio e grazie di tutto, Sere

      Elimina
  18. un blog molto bello ti seguo con piacere se ti va passa da ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elena, non mancherò sicuramente! :) bacino, sere

      Elimina
  19. Anche io sono molto curiosa di vedere il risultato. Sto cominciando a sperimentare nel mondo delle marmellate quindi prenderò nota di questa tua ricetta. Per di più adoro le crostate!!! :D
    Ciao cara e buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) prometto che metterò presto la ricetta di una torta che contenga questa marmellata, allora! ma non subito... altrimenti mi prenderete per burro-frolla dipendente! :D bacino, sere

      Elimina
  20. Cara Serena dove non riusciamo da sole, spesso a soccorrerci arrivano le nostre passioni. L'importante è non chiudere le porte, lasciarle passare anche da uno spiraglio e loro poi faranno il resto, dandoci sostegno e nuova forza.
    E' da un mesetto che penso di fare la marmellata di pesche e lavanda ma temevo che avesse un sapore troppo forte, così mi sono concentrata su pesche e cioccolato. Ma ora vedo questa ricetta e mi si riaccende la voglia... Non resisterò! Non resisterò! Un abbraccio. Clara
    ps: grazie per avere "aperto" l'url

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai proprio ragione Clara, bisogna sempre restare positivi e aprirsi con chi sta intorno a noi. chiuderci in noi stessi non ci fa bene, e non fa bene nemmeno a chi vorrebbe starci vicino ma non sa come fare. se provi questa ricetta, fammi sapere! e per l'apertura... nessun problema! ;) anzi, grazie per avermi avvertita, in questo modo sarà più facile a tutti potermi lasciare un commento! positivo o negativo che sia! bacino, sere

      Elimina
  21. Ciao Sere, adoro Neruda. Mi piace il tuo blog e passerò a trovarti.
    Ciao ;)
    Mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per i complimenti, ti aspetterò! buona domenica!

      Elimina
  22. già al titolo della ricetta mi sono bloccata, perchè quest'anno sono di conserve anche io e la tua ricetta mi serve per i miei vasetti (grazie) ... poi quando ho letto la poesia di Neruda che non ricordavo sono rimasta per sempre intrappolata nel tuo angolino, non ti voglio perdere di vista, è proibito farsi sfuggire un posticino come questo! a presto mony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie monica, allora ti aspetto ancora nei miei prossimi post! bacino, sere

      Elimina

Se ne hai voglia... puoi trascorrere un pò delle tue sere insieme a me! E condividere le tue opinioni, mi farà molto piacere.